Cash flow previsionale: come mantenere il controllo in 4 mosse

Il cash flow previsionale non è solo uno strumento finanziario: è la base di una gestione finanziaria oculata e di successo. Poter prevedere quali saranno i flussi di cassa in entrata e in uscita e poterli gestiti in anticipo significa avere realmente il controllo della propria liquidità. Un’impresa che non si lascia guidare dai flussi, ma che, anzi, riesce a guidarli secondo le proprie urgenze e seguendo una precisa visione contabile e finanziaria, è un’impresa che può evitare imprevisti, che sa gestire a dovere gli investimenti e che può guardare al futuro senza preoccupazioni. Il cash flow previsionale, però, non è una magia e prendere forma solo seguendo le migliori pratiche di gestione della tesoreria. È il naturale risultato, insomma, di un nuovo approccio strategico, che deve riguardare le figure apicali dell’area Finance e dell’amministrazione, che devono essere consapevoli di quali misure siano necessarie. In alcuni casi, vanno acquisiti ulteriori strumenti, mentre in altri si tratta di avere una prospettiva differente sulla gestione finanziaria.


L'influenza delle emergenze sul cash flow previsionale

Il cash flow previsionale per sua natura nasce da dati prospettici. L’impresa deve preventivare i flussi futuri, sul quale vanno eseguite stime e analisi anticipate. Ciò significa che l’azienda non deve soltanto guardare al flusso di cassa in entrata e in uscita e conoscere quanti soldi saranno effettivamente disponibili. Gli imprevisti possono avere un effetto invasivo sul cash flow: una situazione positiva può essere ribaltata a causa di elementi finanziari e commerciali che l’azienda non aveva messo da conto. Cosa succede se un cliente non paga le fatture? Che risposta contabile può offrire un imprenditore a una situazione di incertezza? Proprio in quest’ottica va letto il cash flow previsionale: un’analisi attenta, accurata e basata su dati affidabili e attendibili per poter preparare la propria azienda ad affrontare le situazioni sul medio e lungo termine.

Sfruttare la liquidità in eccesso e anticipa il saldo delle fatture

Il cash flow previsionale dà un riscontro di quale sarà lo stato della tesoreria dell’impresa nel prossimo futuro. Il risultato principale è la possibilità di gestire anticipatamente momenti in cui, per esempio, il saldo sarà attivo e la liquidità eccessiva. In questa situazione, i soldi fermi rappresentano un peso: muoverli è fondamentale. Ecco perché potendo prevedere un momento di eccesso di liquidità, l’azienda può valutare di saldare in anticipo le fatture, magari chiedendo un piccolo sconto. Il fornitore avrà ricevuto in anticipo il saldo, l’impresa avrà risparmiato denaro e, in sostanza, la relazione ne uscirà rinvigorita.


Riconciliazioni automatiche: i dati sono certi e affidabili

Ogni valutazione del cash flow previsionale non può prescindere dai dati: essi devono essere certi e affidabili. Una delle situazioni più critiche è la riconciliazione bancaria. Se questa operazione non viene fatta direttamente all’interno del software di tesoreria dell’azienda, possono verificarsi discrepanze tra il saldo bancario e quello visibile dall’azienda attraverso il suo sistema interno. L’impresa deve quindi dotarsi di sistemi di riconciliazione automatica, che annullano la possibilità di incoerenze contabili. Come? Collegando il mondo bancario a quello gestionale ed effettuando i pagamenti, per esempio, direttamente all’interno di un software dedicato. In caso contrario, il rischio è che l’impresa non abbia il polso della posizione finanziaria netta e non riesca, quindi, ad avere dati attendibili.


Il cash flow previsionale è facile con un software di tesoreria

Analizzare i flussi di casa, preventivare il cash flow e gestire la situazione futura. Sono tutti tasselli del mosaico che compone una gestione finanziaria evoluta e digitale, cioè l’obiettivo a cui deve aspirare ogni impresa. È dalla gestione della tesoreria che dipendono, infatti, gli investimenti sul futuro dell’attività e gli adempimenti regolari come gli stipendi dei dipendenti e il pagamento delle tasse. Un software di gestione anticipata della tesoreria viene incontro alle esigenze delle imprese, abilitando una serie di strumenti affidabili e automatici, che semplificano l’onere amministrativo, liberano i dipendenti dalle operazioni più ripetitive e, infine, danno la possibilità all’impresa di gestire i collegamenti con tutte le banche.


Cash-flow-e-liquidita

Articoli correlati

Gestione del rischio finanziario: proteggiti con DocFinance

La gestione del rischio finanziario ha bisogno degli strumenti giusti e DocFinance è il software ideale per alzare il livello. La nec...
DocFinance 29 luglio 2020

Software tesoreria: risparmia tempo con DocFinance, il caso Sapio

Partire dal software tesoreria per accrescere il valore dell’impresa e snellire le migliaia di operazioni contabili. La testimonianza...
DocFinance 22 luglio 2020

Ottimizza la gestione della liquidità con DocFinance

La gestione della liquidità è fondamentale per poter prendere decisioni tempestive e avere una visione chiara della salute finanziari...
DocFinance 15 luglio 2020